Mibcat: Cultura Crea, contributi per imprese culturali e creative

Cultura Crea è un programma di incentivi a favore delle imprese culturali e creative del Mezzogiorno per creare e sviluppare iniziative imprenditoriali nel settore dell’industria culturale-turistica e per sostenere le imprese no profit che puntano a valorizzare le risorse culturali del territorio nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Si divide in tre assi: Titolo II, Titolo III e Titolo IV

Titolo II – Nuove imprese dell’industria culturale

Soggetti beneficiari

  • Imprese che risultano costituite da non oltre 36 mesi dalla data di presentazione;
  • Società costituende

Localizzazione:  Campania, Calabria, Puglia, Basilicata e Sicilia.

Investimento massimo: euro 400.000

Obiettivo: supportare la nascita di nuove imprese nel settore dell’industria culturale, promuovendo processi di innovazione produttiva, di sviluppo tecnologico e di creatività.

In particolare sono ammessi progetti volti allo sviluppo di:

  • Applicazioni tecnologiche e/o informatiche nuove applicabili alla archiviazione, organizzazione, condivisione, accessibilità, e gestione delle conoscenze legate all’industria culturale cultura;
  • Processi e protocolli innovativi collegati alle attività conservative del patrimonio culturale, storico e artistico;
  • Strumenti innovativi atti ad acquisire, classificare, valorizzare e diffondere il patrimonio artistico culturale attraverso tecnologie software e/o hardware.
  • sono ammessi i progetti relativi a specifici codici ateco 2007 (vedi Allegato 2)

Spese e costi ammissibili
Sono altresì ammesse spese (nel limite del 20% dell’investimento ammesso a contributo) sotto forma di costi di gestione relativamente a:

  • Personale interno qualificato del soggetto beneficiario,
  • Servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC);
  • Consulenze esterne specialistiche prestate da Università e Centri di ricerca pubblici o da imprese e persone fisiche, funzionali all’avvio delle attività.

Titolo III – Società costituite da oltre 36 mesi

 Soggetti beneficiari
Imprese che risultano costituite da non meno di 36 mesi dalla data di presentazione;

Localizzazione per Regione Campania
Le iniziative devono rispondere alle esigenze di uno degli attrattori elencati e devono essere dislocate presso uno dei comuni indicati nella parte destra della tabella.

Investimento massimo: euro 500.000

Obiettivo: consolidare e sostenere l’attività dei soggetti economici esistenti nella filiera culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e dei prodotti tradizionali e tipici, promuovendo la realizzazione di prodotti e servizi finalizzati all’arricchimento, diversificazione e qualificazione dell’offerta turistico-culturale degli ambiti territoriali di riferimento degli attrattori.

Sono ammessi i progetti relativi a specifici codici ateco 2007(vedi Allegato 3).

Spese e osti ammissibili
Sono altresì ammesse spese (nel limite del 20% dell’investimento ammesso a contributo) sottoforma di costi di gestione relativamente a:

  • Personale interno qualificato del soggetto beneficiario,
  • Servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC);
  • Consulenze esterne specialistiche prestate da Università e Centri di ricerca pubblici o da imprese e persone fisiche, funzionali all’avvio delle attività.

Titolo IV – Soggetti del III settore nell’industria culturale

Soggetti beneficiari

  • Soggetti del terzo settore
  • ONLUS

Localizzazione per Regione Campania
Le iniziative devono rispondere alle esigenze di uno degli attrattori elencati e devono essere dislocate presso uno dei comuni indicati nella parte destra della tabella.

Investimento massimo: euro 400.000.

Obiettivo: favorire la nascita e la qualificazione di servizi e attività connesse alla gestione degli attrattori e alla fruizione e valorizzazione culturale, realizzate da soggetti del terzo settore

  • sono ammessi i progetti relativi a specifici codici ICNPO (Vedi Allegato 4)

Spese e costi ammissibili

Sono ammissibili investimenti in:

  • Macchinari, impianti, attrezzature, arredi e mezzi mobili (solo se collegati al ciclo di produzione);
  • Beni immateriali ad utilità pluriennale, limitatamente a programmi informatici, brevetti, licenze e marchi, nonché certificazioni, know how e conoscenze tecniche, anche non brevettate (Tali spese devono essere supportate da perizia tecnica giurata).

Tabella Attrattori della Regione Campania.

Attrattore culturale di Riferimento Comuni
Museo Archeologico di Napoli, Capodimonte, Palazzo Reale, C.Santelmo, Certosa S.Martino, Girolamini  

Napoli

Anfiteatro Flavio – Srapide P. Archeologico di Cuma Napoli, Pozzuoli, Bacoli, Giugliano, Quarto;

 

Castello Baia, parco Sommerso, Terme Bacoli, Monte di Procida, Pozzuoli
Reggia di Caserta Caserta,
Tenuta Carditello San Tammaro, Capua, Casal di Principe, Casaluce, Frignano, S.M. Capua Vetere, S.M. La Fossa, Villa di Briano;

 

 

Parco Archeologico Velia

Ascea, Casal Velino, Castelnuovo Cilento, Ceraso, Pisciotta, San Mauro la Bruna;

 

Museo e P. Archeologico Peastum Capaccio, Cirerale, Giugnano, Roccadaspide, Trentinara, Eboli, Albanella, Agropoli;

 

Certosa S.Lorenzo Padula, Buonabitacolo, Montesano, S.Consilina. Sassano,
 

Area Archeologica Pompei

Pompei, Boscotrecase, Massa di Somma, Ottaviano, Pollena Trocchia, Portici, S.G. Cremano, S.Sebastiano, S. Anastasia, Somma Vesuviana, Torre del Greco, Trecase
Area Archeologica Ercolano Ercolano, Boscotrecase, Castellammare di Stabia, S.Antonio Abate, S.M. La Carità, Scafati, T.Annunziata;

 

Area Archeologica Stabia Castellammare di Stabia, Gragnano, Pimonte, Pompei, S.M.Carità, Torre Annunziata Vico Equense;

La domanda si presenta esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia.

Fonte: http://www.invitalia.it

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *